La mascotte é tornare all’infanzia?

Le vedi sgambettare lungo i viali, assediano i bambini. Cellulari alla mano, tutti i visitatori le hanno molto a benvolere (a noi facevano sinceramente antipatia…). Sono le mascotte di Expo Dubai: due fratelli emiratini e tre utili robot-guardiani. Latifa è una bambina curiosa che sogna di diventare uno dei più grandi inventori del mondo. Suo fratello Rashid, nove anni, ama l’ambiente, la poesia e il disegno. C’è anche una specie di tutore chiamato Salama, ha l’aspetto di un albero del deserto. Il gruppetto è guidato da tre robot (Opti, Alif e Terra) che rappresentano rispettivamente i tre sottotemi di Opportunità, Mobilità e Sostenibilità di Expo 2020 Dubai. E vanno tutti insieme all’emozionante scoperta delle invenzioni che cambiano il mondo grazie alle esposizioni mondiali. Otto mesi per realizzarli, con un team di specialisti attentissimi al politicamente corretto a non caratterizzarli troppo per etnia, aspetto, abito e religione.

Troppo infantilismo in questa scelta? E allora andiamo a rivedere quello che, sullo stesso tema, fu realizzato alla Expo di Milano 2015. La mascotte si chiamava Foody, sorridente e coloratissimo, un metro e 90 di altezza. Era in realtà una specie andropomorfa derivata da Arcimboldo: undici personaggi-pupazzi, ispirati dal mondo della frutta e degli ortaggi, componevano il volto della  dodicesima figura complessiva, Foody per l’appunto. Furono i bambini a scegliere i nomi dei pupazzi e quella lista fu probabilmente la cosa più riuscita (e suggerita dai grandi): Josephine la banana, Piera la pera, Rodolfo il fico, Gury l’anguria, Manghy il mango, Pomina la mela, Rap Brothers i rapanelli, Guagliò l’aglio, Arabella l’arancia, Max il mais, Chicca la melagrana e Julienne la zucchina. Provenivano da tutto il mondo, ognuno con la sua personalità, simboleggiando la diversità e l’unione. Furono gli interpreti di una serie animata della Disney,  Poste italiane li immortalò in un francobollo. Tutti i giorni i pupazzi-mascotte sfilarono in parata lungo il viale centrale dell’Expo. Per l’esperto milanese di campagne pubblicitarie Oliviero Toscani, Foody la mascotte fu un prodotto grafico “vergognoso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.