Expo Dubai, metà dei visitatori previsti (ma il padiglione Italia sprizza salute)

La prospettiva di avere 25 milioni di visitatori fu giudicata ottimistica, fin dall’inizio. Gli strascichi della pandemia già avevano fatto posticipare di un anno la rassegna; il perdurare del Covid e le restrizioni sui voli aerei hanno fatto il resto. I visitatori sono stati meno di cinque milioni nei primi due mesi. Con questo andazzo si finirà per averne la metà di quelli previsti.

Ma le cose vanno bene su altri fronti, primo fra tutti quello delle visite virtuali: chi non può venire, per lo meno visita i padiglioni su internet. Siamo a 23 milioni e mezzo. Altro fronte (almeno per noi) molto positivo è il successo del padiglione italiano, forse il più visto, sicuramente il più apprezzato. Ogni giorno un programma ampio, con appuntamenti, convegni, esibizioni, l’aperitivo in musica, la fila puntuale al bar Lavazza (nonostante gli otto euro per un caffè…) e ai ristoranti Bulgari. Con il David “gemello” star visitatissima di tutta l’Expo. E a proposito di Bulgari: pare che sia in arrivo una mostra di spettacolare bellezza, incentrata sui gioielli più belli della collezione, roba da far strabuzzare gli occhi anche agli sceicchi emiratini.

Expo Dubai, metà dei visitatori previsti (ma il padiglione Italia spruzza salute)

La prospettiva di avere 25 milioni di visitatori fu giudicata ottimistica, fin dall’inizio. Gli strascichi della pandemia già avevano fatto posticipare di un anno la rassegna; il perdurare del Covid e le restrizioni sui voli aerei hanno fatto il resto. I visitatori sono stati meno di cinque milioni nei primi due mesi. Con questo andazzo si finirà per averne la metà di quelli previsti.

Ma le cose vanno bene su altri fronti, primo fra tutti quello delle visite virtuali: chi non può venire, per lo meno visita i padiglioni su internet. Siamo a 23 milioni e mezzo. Altro fronte (almeno per noi) molto positivo è il successo del padiglione italiano, forse il più visto, sicuramente il più apprezzato. Ogni giorno un programma ampio, con appuntamenti, convegni, esibizioni, l’aperitivo in musica, la fila puntuale al bar Lavazza (nonostante gli otto euro per un caffè…) e ai ristoranti Bulgari. Con il David “gemello” star visitatissima di tutta l’Expo. E a proposito di Bulgari: pare che sia in arrivo una mostra di spettacolare bellezza, incentrata sui gioielli più belli della collezione, roba da far strabuzzare gli occhi anche agli sceicchi emiratini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.